Banner
Banner
08
Apr

OperaWine, i nostri 10 assaggi memorabili

on 08 Aprile 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'evento

di Federico Latteri

Il solito glamour, la solita festa del vino, con le etichette scelte da Wine Spectator in collaborazione con Vinitaly.

Quest’anno al Palazzo della Gran Guardia erano in 104 per l'edizione 2017 di OperaWine. Berli tutti è quasi impossibile. Noi siamo riusciti, però, a stilare la classifica dei nostri dieci assaggi, quelli indimenticabili. Quelli che, sicuramente vorremo riprovare. Ecco i nostri assaggi memorabili.

Aglianico del Vulture Titolo 2012, Elena Fucci – Potente, complesso, di grande energia. E’ un’ottima espressione di Aglianico che si distingue per consistenza, ampiezza e, soprattutto, per la parte tannica che sembra disegnata alla perfezione. Andrà ancora avanti nel tempo per diversi anni.

Barbaresco Riserva Asili 2009, Produttori del Barbaresco – Potente, tipico, dotato di tannini robusti, un grande Barbaresco.

Barolo Marcenasco 2007, Renato Ratti – Ammaliante, di grande complessità. Il Barolo nella sua versione più suadente, tipica del comune di La Morra.

Brunello di Montalcino Vecchie Vigne 2010, Siro Pacenti – Elegante, profondo, affascinante, il territorio di Montalcino comunicato con completezza e classe.

Chardonnay Vie di Romans Friuli Isonzo 2011, Vie di Romans – Un’interpretazione molto particolare nel profilo aromatico. Cremoso, pieno e lungo. E’ un’ottima versione italiana di questo vitigno.

Etna Rosso Guardiola 2011, Tenuta delle Terre Nere – Elegante e affascinante al naso. Sorso setoso, che accarezza il palato. Il grande terroir del Vulcano.

Primitivo di Manduria Es 2013, Gianfranco Fino – Al naso presenta un incredibile mosaico di sfumature. Invade il palato con grande intensità mirabilmente armonizzata.

Soave Classico La Rocca 2007, Pieropan – Sicuramente uno dei migliori bianchi italiani. A dieci anni dalla vendemmia ha un’integrità perfetta e grandi prospettive di durata nel tempo. Ricchezza e finezza nello stesso tempo.

Trento Doc Perlè 2009, Ferrari – Da uve Chardonnay coltivate nei vigneti di famiglia sulle montagne del Trentino ad un’altitudine compresa fra 400 e 700 metri. Molti fine, morbido, floreale, con frutta a polpa bianca, rotondo e lungo. Uno spumante da provare assolutamente, ideale a tutto pasto.

Turriga 2012, Argiolas – Mediterraneo, multidimensionale, un grade classico che ha fatto conoscere il territorio della Sardegna in tutto il mondo.
 
 

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it