Banner
Banner
17
Lug

I 50 anni della Doc Matelica: "Celebriamo il nostro territorio con orgoglio"

on 17 Luglio 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - La manifestazione

I produttori raccontano le loro eccellenze nonostante la crisi che li ha colpiti dopo il devastante terremoto dello scorso anno

di Mimmo Vita

La grande festa è già cominciata a Matelica, in provincia di Macerata, ma toccherà il culmine questo fine settimana, il 21 e 22 luglio 2017. 

Come mai? Già lo slogan utilizzato è eloquente: “50 anni di Doc, il tempo che celebra la qualità”. Matelica è collocata proprio nel cuore dell’area produttiva della Doc omonima del vino Verdicchio, raggiunta cinquanta anni fa, nel 1967, proprio il 21 luglio con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale: prima Doc della regione Marche (insieme al Rosso Conero), e 14esima d’Italia. È una bella cittadina ricca di cultura. Lo testimoniano piazza Mattei (qui nacque Enrico Mattei fondatore dell’Eni e artefice delle storiche scelte del nostro paese nel settore energetico dopo il secondo dopoguerra, tragicamente scomparso in un disastro aereo molto discusso da decenni), il Museo Piersanti, il Museo Civico ed Archeologico ed il Teatro Comunale del Piermarini (stesso architetto della Scala di Milano). Anche Matelica ha pesantemente subìto, come molta parte del centro Italia, le conseguenze del prolungato sisma dell’anno scorso, ma vuole e sa reagire.


(Verdicchio)

Il territorio dove si coltivano le uve del Verdicchio di Matelica comprende il cuore dell’Alta Vallesina. Una valle particolare per le Marche, l’unica disposta lungo l’asse nord-sud, da Cerreto d’Esi (in provincia di Ancona), a Castelraimondo (in provincia di Macerata); un posizionamento che non gode della mitigazione termica del mare e che il Verdicchio di Matelica trasforma in tipicità produttive e sensoriali. Sette sono i comuni del disciplinare: Matelica, Esanatoglia, Gagliole, Castelraimondo e Camerino (in provincia di Macerata); più Cerreto d’Esi e Fabriano (in provincia di Ancona). Dai 300 ettari di superficie vitata a denominazione provengono 2,4 milioni di bottiglie (dati 2015), la metà delle quali varca i confini nazionali. La storia di questi 50 anni, si vanta anche di altri riconoscimenti. Dalla vendemmia 1995 la Doc può fregiarsi di due importanti varianti produttive: "Riserva" e "Passito". Nel 2009 poi, per il Verdicchio di Matelica Riserva, arriva anche la Docg, molto interessante tanto che dal 2011 al 2015 ha più che triplicato la produzione. Il Verdicchio è un vino bianco, di colore paglierino tenue, con riflessi verdognoli. Il profumo è delicato con fragranze fresche, di frutta e floreali. Il colore tende al dorato con la maturazione, mentre volge all'ambrato nel "Passito".


(Roberto Potentini)

“Celebrare i 50 anni della Doc - sottolinea Roberto Potentini, Assessore comunale all’agricoltura ed enologo - vuol dire esaltare un passato che è garanzia di un futuro importante; un patrimonio fondamentale per la nostra comunità provata dalla crisi economica e dal terremoto. Il clou dei festeggiamenti è per questo fine settimana”. Il programma prevede venerdì prossimo 21 luglio, nella Corte di Palazzo Piersanti, le “divagazioni conviviali” di David Riondino e la cena in piazza Mattei con le narrazioni culinarie dello chef Diego Bongiovanni; sabato l’inaugurazione del monumento al Verdicchio di Matelica, il talk show di taglio economico al Teatro Piermarini, il laboratorio del gusto di Slow food da Halley Informatica, e poi degustazioni, musica e street food in centro storico e Dario Ballantini live, ancora in piazza Mattei; domenica 23 luglio il Cinquantennale “sconfinerà” allo Sferisterio di Macerata con l’atteso concerto di Stefano Bollani. Dal 29 luglio al 3 agosto il Festival Internazionale del Folklore, porterà a Matelica suoni, danze e colori da tutto il mondo. Le celebrazioni proseguiranno in agosto fino al 16 settembre con la Festa del Patrono Sant’Adriano.

C.d.G.

 
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it