Banner
Banner
16
Nov

Lo chef Bonetta Dell'Oglio ha la ricetta per la carne: "Mangiarne meno, ma di altissima qualità"

on 16 November 2016. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il personaggio

di Clara Minissale

Per anni è stata l’alfiere dei grani antichi siciliani, instancabile sostenitrice della qualità del cibo che si porta in tavola, a cominciare dal pane, creatrice della “Rivoluzione in un chicco”, un movimento culturale nato per promuovere i grani autoctoni.

Oggi, che su grano e derivati c’è un po’ più di attenzione, lei sposta la sua sulla carne rossa. Il nuovo progetto di salute e consapevolezza a tavola di Bonetta Dell’Oglio si chiama “Animali felici”, un titolo che non ha bisogno di molte spiegazioni. “La mia idea – spiega la chef palermitana – è che di carne se ne mangi sempre meno, ma che sia di altissima qualità. Per questo ho iniziato a lavorare con un allevatore di Vizzini, Giuseppe Grasso, che è attento alla qualità della vita dell’animale prima e alla carne che si porta in tavola dopo. Dobbiamo iniziare a chiederci la storia di un uovo o di una fetta di arrosto e renderle giustizia economica”.

 
(Fesa, castagne, vinacce e cotogne)

Quelli con cui Bonetta entra in contatto sono animali che vivono liberi nei pascoli biologici e mangiano solo sementi autoprodotte. “Questi bovini si muovono molto – dice – hanno una muscolatura importante e la loro carne necessita di una lunga frollatura. Per questo nel progetto abbiamo inserito #40 giorni, ovvero l’idea che si debbano utilizzare carni con frollature più lunghe di quelle alle quali siamo abituati in Sicilia, che durino almeno 40 giorni, appunto”. Ed elenca i punti imprescindibili se si vuole carne di qualità: animali con le corna, no al taglio; no alla castrazione; granaglie e fieno autoprodotti, figli con le madri fino a 10 mesi; pascoli liberi; transumanza laddove necessita; libertà in senso assoluto, che sia ovino, caprino, vaccino o avicolo; libertà riproduttiva (no inseminazione artificiale); macellazione nel rispetto totale dello stress provocato; trasporti corti; no allevamento intensivo ma estensivo; consumi ridotti ma qualità elevatissima; rispetto dei costi più alti; carni frollate, digeribili.


(Tartare e patate)

E poi utilizzo di parti meno conosciute come la pancia, il diaframma, la rosetta, il ritorno a sapori e sughi di antica memoria che rischiano di essere dimenticati, soppiantati da mode che arrivano da lontano e che poco hanno a che fare con la nostra cultura. “Penso ai nostri lacerti – aggiunge la chef - o ai nostri sughi di carne dal sapore rassicurante. Utilizzando carni nostrane con una lunga frollatura, possiamo dimostrare di avere un ottimo prodotto a patto che parta dal benessere dell’animale”. E dopo i grani antichi mai abbandonati e la carne, toccherà alle uova “perché – conclude - non si è mai abbastanza consapevoli di quello che si porta in tavola ogni giorno”. 

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it