Banner
Banner
29
Feb

Castagner "bacchetta" i colleghi: "Se facessi le grappe come 10 anni fa anche io sarei in perdita"

on 29 Febbraio 2016. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il personaggio

E intanto annuncia una novità nel mercato americano


(Roberto Castagner)

Se il mondo della grappa, e più in generale dei distillati, nel 2015 ha segnato a livello nazionale un -2,5% nella grande distribuzione organizzata (Gdo) e un -5 % nel settore fuori casa (HoReCa), nello stesso anno Castagner ha fatto registrare all’azienda un’ impennata nelle vendite tale da far lievitare i fatturati del + 5% nella Gdo e del + 30% nel canale fuoricasa. 

Il segreto sta nel fatto che Castagner non scherza quanto a innovazione: “Se facessi ancora le grappe come 10 anni fa le vendite si sarebbero inchiodate; bisogna adeguarsi alle nuove necessità del mercato, anticipare i bisogni del consumatore, investire in ricerca e innovazione. Ovviamente tutto ciò comporta fatica e risorse – umane ed economiche – ma è l’unica ricetta per riuscire a stare al passo coi tempi” confessa Roberto Castagner che sta già pensando ai prossimi appuntamenti fieristici cruciali per il settore : il Prowine di Dusseldorf e il Vinitaly di Verona.

 “Al Prowine, in uno spazio di nuova concezione, presenteremo una gamma di grappe adatte al mercato tedesco e nord europeo, Russia compresa, mentre al Vinitaly lanceremo un nuovo prodotto creato appositamente per il mondo dei  barman perché crediamo fortemente alla grappa come ingrediente per i cocktail.
 Strada finora poco praticabile: la grappa con la sua struttura tradizionale, caratterizzava troppo il cocktail coprendo tutti  gli altri ingredienti e per questa ragione non era amata dai bartender. Invertire la tendenza, quindi spostare il consumatore dal classico drink con distillato “straniero”  indirizzandolo verso i prodotti italiani è la nuova sfida dell’instancabile Castagner che a questo scopo ha investito anni in ricerca e parecchie risorse nella realizzazione di nuovi impianti concepiti per permettere una distillazione del tutto particolare.

 “Si tratta di un lungo percorso a cinque colonne – spiega Castagner -  durante il quale riusciamo a selezionare le molecole aromatiche più nobili e leggere, e al termine del quale dalla materia prima prende vita un distillato di purezza mai vista prima. L’abbiamo chiamato Suite n° 5 per evocare i cinque processi di distillazione subiti, e il successo è tale che stiamo già creando una linea “brut” appositamente pensata per i barman che uscirà a breve nel mercato con il nome di Suite Black per richiamare il fatto che viene realizzata con uve nere: una versione speciale, molto più dry (zero zuccheri) adatta ad essere combinata con componenti dolci quali frutta fresca o zucchero di canna, in modo da lasciare al barman più libertà di azione nella scelta degli ingredienti”.
 L’idea è rivoluzionaria ma funziona. Tanto che un importante distributore di New York ha deciso di scommetterci su, investendo una grossa cifra per lanciare l’innovativo distillato nel mercato americano che da solo assorbe circa 1 miliardo di bottiglie di superalcolici. Si è innamorato del prodotto di Castagner a prima vista quando la Suite N°5 ha superato la prova del ghiaccio. E’ risaputo che il consumatore americano ama bere "on the rocks” e la Suite n° 5 è una grappa che  grazie alla sua purezza non opacizza. Poi ne ha apprezzato  le altre qualità. Quindi, dopo una fase di test superata brillantemente, ecco che il prossimo  9 marzo il primo container di Suite N°5 partirà per gli Stati Uniti dove il buyer di New York nell’ambito del piano da lui battezzato "Italian Spirit Project” si è già organizzato per distribuirla in 11 diversi Stati attraverso una selezione di mille locali che ne riceveranno subito un primo cartone".
 "Questa – conclude Castagner - è la prova che ora nel mondo dei cocktail possiamo reggere il confronto con qualsiasi competitor  internazionale. Contando sul vantaggio che rappresentiamo una novità in questo florido settore nel quale noi italiani possiamo ancora esprimere molte potenzialità.  E considerando la grappa il nostro vero distillato di bandiera, possiamo ancora sfruttare il fascino che il made in Italy suscita sui mercati esteri e soddisfare i visitatori stranieri che quando giungono nel nostro Paese desiderano assaggiare i prodotti più rappresentativi dell’italianità”
 
Ecco perché al Vinitaly 2016 Castagner coinvolgerà alcuni straordinari barman nazionali che si sfideranno a suon di shaker nella realizzazione di cocktail  - naturalmente cento per cento italiani - davvero innovativi. E coglierà l’occasione per presentare, insieme al grande distributore newyorchese e al nuovo distillato, anche i primi dati dell’operazione.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY