Banner
Banner
15
Ott

"Altro che vini marmellatosi. Torno a farli come quelli di una volta"

on 15 Ottobre 2015. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il personaggio


(Claudio Quarta)

di Francesca Landolina

Da biologo a vignaiolo. Sono passati dieci anni da quando Claudio Quarta, pugliese doc, ha scelto una nuova vita. Nel 2005 abbandona il camice e una brillante carriera da ricercatore e da imprenditore farmaceutico per indossare i panni del vignaiolo ed intraprendere una nuova strada, che egli stesso definisce “operazione verità”. 

Altro non è che un ritorno alle origini. “Da bambino, aiutavo mio padre a fare il vino e sono stato sempre un appassionato bevitore – racconta-. Poi la carriera, il trasferimento in America, dove ti accorgi come le cose evolvono troppo in fretta, perdendo ogni legame con il passato e la tradizione. Quel vino autentico dei miei ricordi non c’era più. Stentavo a trovarlo. La cultura americana del resto ha inteso il vino per stupire. Ed ecco che sono nati i vini internazionali, quelli “hollywoodiani” per dirla alla Alessandro Baricco. La tendenza a internazionalizzare i vini ha coinvolto anche l’Italia e ci ha portato spesso a fare vini “marmellatosi”, che a volte stancano e che sempre sono privi di anima. Dal bisogno di cambiare la mia vita per tornare alla terra e alle origini, è iniziato un nuovo percorso per me e per la mia famiglia. Siamo tornati a Lecce e da lì è ripartito tutto”.


(Cantina Moros)

Ed in effetti, Claudio Quarta stravolge tutto. Non diventa solo un produttore ma dà vita a qualcosa di più. Le sue cantine incarnano una filosofia, un modo di essere e di ripensare la terra. Il nuovo percorso parte dalla Tenuta Emèra a Lizzano, dove di recente si è svolta una festa della vendemmia rievocata in vecchio stile, chiamata “Lu Capucanale”, con carretti e bambini a pigiare l’uva con i piedi, musica e buon bere.

Varcando la soglia delle cantine di Claudio Quarta, attualmente tre (una a Lizzano, Tenuta Emèra, una a Sanpaolo, a cavallo tra le province di Avellino e Benevento, e l’ultima a Guagnano, Cantina Moros, una masseria rurale dove il tempo sembra essersi fermato) si respira bellezza, arte, tradizione, rispetto per le cose e per il contesto circostante. La caratteristica del produttore è quella di aver scelto territori, per le sue cantine, storicamente vocati alla viticultura.
Sono le terre del Primitivo per Tenuta Emèra; quelle del Fiano di Avellino Docg, del Greco di Tufo Docg, della Falanghina e dell’Aglianico per cantina Sanpaolo; del Negroamaro e della Dop Salice Salentino per Cantina Moros. Proprio in questa cantina è stato appena presentato, giorni fa, il solo e unico vino a cui è destinata. La minuscola cantina, nel cuore di Guagnano, è nata dal recupero di un antico vigneto e di una cantina sociale degli anni ’50, oggi impreziosita dal fatto di essere una piccola galleria d’arte delle opere di Ercole Pignatelli e da un labirinto sotterraneo che custodisce reperti della Magna Grecia.


(Claudio Quarta con la figlia Alessandra)

Nel vigneto di poco più di un ettaro si coltivano solo uve di Negroamaro e Malvasia Nera da cui nasce il solo vino pensato per Cantina Moros: il Salice Salentino Riserva Dop 2012. Lo abbiamo degustato in anteprima. Profondo nel colore con riflessi amaranto, accattivante ed elegante, con spiccate note di vaniglia. Marcato nei sapori di frutta a bacca rossa con sfumature dolci provenienti dal legno. Un vino destinato ad evolvere. “Era il vino che volevo, quello dei miei ricordi. Oggi assaggio la prima annata. Il mio è un percorso che continua. E finalmente grazie anche alla presenza di mia figlia Alessandra in cantina, che segue gran parte delle cose, posso dedicarmi alle vigne e a fare il vignaiolo per vedere evolvere i miei vini e per offrire la verità di questo territorio”.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY