Banner
Banner
23
Dic

La Doc Sicilia raccoglie l'appello di Barraco. Sì a vini ossidativi e alla tradizione marsalese

on 23 Dicembre 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Vini e territori

Era stato il vignaiolo a segnalare l'esigenza di contemplare bianchi con le caratteristiche organolettiche da vendemmia tardiva proprie del territorio. L'assemblea dei soci ha modificato il disciplinare. Si parte con la vendemmia 2017


da sinistra Nino Barraco, Antonio Rallo e Renato De Bartoli

Una svolta. Forse piccola. Ma molto significativa.

L'assemblea dei soci della Doc Sicilia ha modificato il proprio disciplinare dando il via libera alla possibilità di produrre vini bianchi secchi da vendemmia tardiva con caratteristiche organolettiche tipiche della tradizione marsalese e della Sicilia occidentale, e quindi colori più accentuati, profumi terziari frutto di macerazioni sulle bucce e sapori tipici di vini ossidativi che nascono dal contatto con l'ossigeno. Una modifica che riguarda il Catarratto, il Grillo e l'Insolia ed in particolare l'articolo 6 del disciplinare. Era stato Nino Barraco, apprezzato vignaiolo a lanciare un appello (leggi qui) perché i suoi vini (l'Alto Grado, ma non solo) potessero rientrare in una tipologia della Doc Sicilia, visto che il semplice termine Grillo in etichetta ora non è più possibile per l'Igt Terre Siciliane e visto che comunque con certi parametri organolettici questi vini non avrebbero ottenuto la Doc Sicilia e neanche altre doc. 

Per la verità il disciplinare aveva già previsto la tipologia Vendemmia Tardiva secca ma non parametri organolettici che contemplavano una tradizione del fare vino in questa parte di Sicilia, una sorta di Marsala prima del Marsala e che affonda le radici nei secoli. 

Tutti soddisfatti, dunque. Ora serviranno gli adempimenti di legge, il via libera del ministero e comunque si dovrebbe partire già dalla vendemmia 2017. E c'è inoltre da registrare l'ampia volontà di dialogo avviata dal consorzio della Doc Sicilia presieduto da Antonio Rallo che per primo ha ascoltato le ragioni di Barraco e dei vignaioli marsalesi. Spiega lo stesso Barraco: "Sono molto contento perché la modifica del disciplinare è un passo importante per tutta la Sicilia del vino. Ed io stesso voglio condividere il progetto della Doc Sicilia. È un passo avanti che guarda al passato. E mi auguro che sia un primo passo per contemplare anche vinificazioni tradizionali senza il ricorso alle vendemmie tardive. Proverò col mio Grillo a chiedere la Doc e se non avrà i parametri richiesti sono disposto a cambiare il nome in Bianco Barraco pur di avere comunque l'Igt". Soddisfatto anche Renato De Bartoli, amministratore delegato di Baglio di Pianetto e un cognome che dice molto sui vini di Marsala: "Ho seguito questa vicenda dall'inizio e sono molto contento per l'atteggiamento democratico e di apertura del consorzio della Doc Sicilia che ha colto un'evoluzione del mercato. Un cambiamento che consente di annoverare produzioni un po' estreme, diverse, per le note terziarie, l'alcol più alto, il colore più accentuato, tutti parametri che prima non erano presi in considerazione". E tra l'altro anche Baglio di Pianetto ha un vino ossidativo come il Natir da uve Insolia.

E Antonio Rallo, presidente del consorzio Doc Sicilia ha dichiarato: "La Doc Sicilia ha tra i suoi obiettivi quello di coinvolgere tutto il sistema vinicolo in un progetto che miri alla tutela della qualità. Il nostro lavoro di questi mesi, condiviso da tanti produttori, raggiunge un risultato importante: abbiamo accolto proposte che contribuiscono a valorizzare diverse realtà che compongono il "continente vinicolo siciliano". Essere inclusivi, promuovere e difendere il brand Sicilia e garantire il rispetto di elevati standard di qualità, è un percorso che non conosce soste". 

C.d.G.

Share

Commenti  

 
0 #1 Gaspare 2017-12-24 11:41 Tutti soddisfatti direi proprio di no. C'è una grande parte dei produttori di Grillo e Nero d'Avola ad IGT che non vuole aderire alla DOC Sicilia perché non la reputa una denominazione che aggiunge prestigio o garanzie ai propri vini. Eppure, il democraticissim o Consorzio DOC Sicilia sta provando ad imporre a tutti di aderire al Consorzio per poter continuare a menzionare i due vitigni in etichetta, consorzio che, va ricordato, per sua stessa natura è volontario! Una prima battaglia è stata vinta: ci sono alcune aziende che hanno vinto il ricorso al TAR del Lazio e che potranno continuare ad imbottigliare Grillo e Nero d'Avola ad IGT don quando non si pronuncerà la Comunità Europea. Forse che questa imposizione tanto tanto democratica non è? Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY