Banner
Banner
07
Giu

Ruotare il vino nel calice? Adesso non sarà un problema

on 07 Giugno 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'azienda


(Franco Parentini e i calici Gira e Rigira)

di Michele Pizzillo

Trovandosi in un gruppo di esperti ed abili degustatori di vini, adesso anche il più “goffo” degustatore può fare girare il calice con un movimento naturale e, al tempo stesso, elegante. 

A togliere dall’imbarazzo il degustatore che si sente inadeguato al cospetto dei sommelier, ci ha pensato Franco Parentini, presidente delle Vetrerie di Empoli, una delle più importanti e raffinate aziende del settore. Cha ha brevettato un calice veramente originale che, contestualmente, toglie d’impaccio i meno esperto fra chi ama degustare al meglio i vini. Ogni volta che si trovava sulla scrivania qualche pezzo di vetro da esaminare per un nuovo prodotto, all’imprenditore toscano, infatti, scattava una sorta di sindrome che possiamo definire da “calice perfetto”; nel senso che gli veniva in mente qualcosa che aveva avuto modo di osservare magari all’ultimo ricevimento che aveva partecipate: l’imbarazzo di chi non riusciva a fare ruotare bene il calice spesso contente un vino di grande pregio. Così, gira e rigira, al proprietario delle Vetrerie nate nel 1938 con la mission di dedicarsi alla produzione del caratteristico vetro verde, per evolvere poi negli anni verso prodotti sempre più sofisticati, qualche mese fa viene l’idea di creare il calice “perfetto”, che chiamerà “gira e rigira”.

che si tratta? "Gira e rigira" è un calice da degustazione che rivoluziona il modo di analizzare e valutare il vino. Quel movimento particolare che si fa quando il vino viene versato nel bicchiere, muovendo delicatamente la mano per analizzarlo, viene aggiornato e superato da questa idea del proprietario delle Vetrerie di Empoli, Franco Parentini, che ha finalmente realizzato un calice unico. Un piccolo perno "mimetizzato" con il cristallo, oppure volutamente visibile in metallo dorato, all'apice dello stelo e alla base del calice permette, con una lieve carezza del pollice al globo, di farlo ruotare delicatamente, imprimendo un movimento morbido al vino. La rotazione consente di affinare la valutazione degli aspetti visivi (limpidezza, colore e consistenza), delle note olfattive (complessità e gradevolezza) e delle sensazioni gustative (note gliceriche, acidi, Sali e tannini) del vino. La luce riflessa nel bicchiere viene accelerata dal movimento rotativo, consentendo una migliore valutazione di limpidezza, vivacità e lucentezza. Mentre il movimento perfetto agevola l’analisi di tonalità, sfumature, intensità e lucentezza del colore. Poi il movimento rotativo consente di uniformare e omogeneizzare il velo di liquido sulla parete del bicchiere e garantisce anche una formazione più omogenea dell’imbuto odoroso.


(Oliviero Toscani)

"E' un'idea semplice - dice Parentini - e riguarda la consuetudine che abbiamo noi italiani con il vino e con i gesti connessi al berlo, che non sono di tutti: dal sentirne l'odore al farlo ruotare nel bicchiere. "Gira e rigira" consente, conversando a tavola, di far decantare il vino con un movimento elegante, naturale, senza più alcun imbarazzo o sensazione di inadeguatezza". Dopo i primi test fra gli addetti ai lavori prima a Parigi, a "Maison et Objets" e poi a Milano, al "Salone del Mobile", "Gira e rigira" adesso stato ufficialmente svelato al grande pubblico con un appuntamento che si è tenuto nella boutique milanese di Vetrerie di Empoli, nell’esclusiva via Montenapoleone, a cui ha partecipato anche Oliviero Toscani che ha pure messo a disposizione i due rossi – OT e Quadratorosso – che produce nella sua azienda di Casale Marittimo, in provincia di Pisa, che il sommelier Bruno Ferrari  ha utilizzato durante una sorta di lezione organizzata con l’obiettivo di svelare la funzione del calide ideato, prodotto e certificato da Parentini.

Che Oliviero Toscani ritiene sia "un oggetto di design bello, ma quel che più conta è utile. Il design necessario è oggi un concetto rivoluzionario, in un mondo di forme astruse per utensili che si giustificano per le firme di chi li disegna ma che servono a poco. Qui si coniuga un'idea geniale con una eccellente abilità artigianale e il connubio è di grande efficacia". Basta questa affermazione del grande fotografo, per assicurare che l’idea è veramente geniale. E, chi ha partecipato all’evento che Parentini ha organizzato nella boutique milanese, sarà rimasto affascinato dei semplici ed eleganti movimenti che un professionista come Ferrari dava al calice “gira e rigira”.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it