Banner
Banner
06
Feb

Quando è il dialetto ad ispirare i vini: Accussì è la nuova etichetta di Feudo Arancio

on 06 Febbraio 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'azienda


(Feudo Arancio)

Mezzacorona ci ha preso gusto. Ed ecco un altro vino con un nome in dialetto siciliano. Un'altra etichetta targata Feudo Arancio che è il nome delle tenute siciliane del colosso trentino. 

Il vino, uno spumante extra dry si chiamerà Accussì. Ed è la conferma che il dialetto piace. Ma anche una scelta di marketing innovativo che provoca empatia e richiama un forte legame col territorio. Accussì in siciliano è soprattutto un modo di dire che una cosa è fatta in un certo modo. Letteralmente significa "così", ma di solito si dice quando si deve ribadire che una cosa va fatta per bene, in un determinato modo, nella maniera quasi perfetta, accussì appunto. 

Accussì è un extra dry di uve Grillo. La vendemmia viene effettuata verso fine agosto, in leggero anticipo per far emergere la freschezza. Le uve vengono vinificate con pigiatura e pressatura soffice per estrarre solo il mosto più profumato. Fermentazione a temperatura controllata di 18°C, affinamento sui propri lieviti fino a dicembre. A questo punto si aggiungono altri lieviti selezionati e si rifermenta in autoclave alla temperatura di 13-14°C per 8-10 giorni. Raggiunta la pressione e il residuo zuccherino desiderati, si raffredda rapidamente a -2/3 gradi per bloccare la fermentazione. Dopo altri 20 giorni lo spumante viene filtrato e imbottigliato a bassa temperatura per mantenere e preservare al meglio le sue caratteristiche.


(Il nuovo spumante Accussì)

Lo abbiamo assaggiato in anteprima. Occhio al calice, che sia adatto. Il perlage è buono, persistente e fine. Il colore è giallo paglierino con riflessi verdognoli. Al naso emergono le note fruttate, con sentori di fiori d’acacia e glicine, insieme al profumo delicato di frutta fresca come la mela, la pera e la pesca oltre a nuance di fiori bianchi (magnolia e mughetto). In bocca è asciutto e fresco, fragrante con spiccata acidità.

Sarà una delle etichette che sarà presentata al prossimo Vinitaly. E farà il paio con il Tinchité, altro bianco targato Feudo Arancio. Un bianco diretto, immediato, senza fronzoli che dal punto di vista commerciale ha avuto un grande successo. Ed è pronto a ripetersi con il millesimo 2016. Vuoi vedere che il dialetto piace?

C.d.G.

 
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it